Domenica a Ploaghe andrà in scena “Su coju piaghesu”, il matrimonio tradizionale ploaghese

Domenica 27 ottobre si terrà a Ploaghe “Su coju piaghesu”, una rappresentazione dell’antico matrimonio locale organizzata dalla Pro Loco di Ploaghe col patrocinio dell’amministrazione comunale. L’usanza del matrimonio ploaghese è stata portata avanti sino ai primi anni ‘80, soprattutto nel mondo degli agricoltori e degli allevatori. Secondo l’usanza, due giorni prima delle nozze, la suocera inviava, in quella che sarebbe stata la casa coniugale, un lungo corteo di canestri contenenti il corredo dell’uomo, doni per la futura nuora ed elementi come “la pecora e la gallina”. Ciascun dono aveva un significato particolare e niente era lasciato al caso. La manifestazione si svolgerà partendo alle 9.00, dalla casa dello “sposo”, che la Pro Loco ha individuato in una classica casa ploaghese situata nella storica via Siotto, dove la “suocera” manderà il classico corteo in processione proprio come accadeva un tempo. Il percorso in cui si sviluppa l’evento comprende via Roma, via Arrio, piazza Valverde, corso Giovanni Spano, via Regina Margherita sino ad arrivare a via Tempio in cui è stata individuata la casa della “sposa” e dove si svolgerà, a partire dalle 10.00, la vestizione. Successivamente alla benedizione degli sposi da parte dei genitori il corteo, guidato dalla coppia, si recherà nella chiesa di Santa Croce per la celebrazione del matrimonio. Alle  13.00 è infine previsto, nei locali del convento dei Frati Cappuccini, il pranzo aperto a tutti con piatti tipici della cerimonia. La giornata di festa sarà accompagnata  da musica e balli della nostra tradizione.